OBLIQ

- arts & words place -

02 febbraio, 2007

ECCE HOMO - tortura


Ecco un articolo dal sito di Amnesty...
Certe volte è necessario guardare oltre il proprio ombelico, o il nostro profumato giardino di rose:

"I Metodi di Tortura:
In molti paesi del mondo i metodi di tortura ricordano, per certi versi, le forme medievali del supplizio. Si tortura con strumenti e macchinari rudimentali, con ciò che si trova a portata di mano, con percosse e calci. Lo stupro rappresenta la forma di tortura riservata alle donne: nella campagna “Mai più violenza sulle donne”, lanciata nel marzo 2004, Amnesty International ne ha denunciato l’incredibile diffusione in ogni angolo del pianeta.

Recentemente la tecnologia si è inserita nel settore della tortura, con la produzione di strumenti “hi-tech” che addirittura non rendono più necessario il contatto diretto tra il torturatore e la sua vittima: basta azionare un telecomando, a distanza, per scaricare elettricità sul corpo di un detenuto. Uno degli aspetti più spregevoli della tortura moderna è proprio che essa rappresenta un ottimo business. Sono sempre più numerose le aziende che producono, pubblicizzano ed esportano strumenti di tortura: ceppi e manette, manganelli elettrici, spray urticanti, schiume, pistole elettriche, cinture elettriche, sedie da immobilizzazione dal raffinato design… l’elenco è infinito.

La tortura moderna tende, comunque, sempre di più a “non far male”, o meglio a provocare un male difficile da scoprire in un’aula di tribunale o a un esame medico: basti pensare alle innumerevoli forme di deprivazione sensoriale (l’uso di bende e cappucci, l’isolamento fisico e acustico ecc..) e alle perverse manifestazioni di dominio psicologico (costringere un prigioniero a stare in piedi per ore, privarlo del sonno, del cibo o dell’acqua, esporlo a temperature estreme o a musica assordante, inscenare una finta esecuzione, minacciare di stupro sua moglie o sua figlia ecc.) utilizzate nel corso degli interrogatori per abbattere la resistenza e distruggere l’identità delle vittime della tortura
".

fonte: Amnesty international italia

image: Michelangelo Merisi da Caravaggio " Ecce Homo"

1 Comments:

At marzo 05, 2007 3:23 PM, Anonymous VascoBlog wrote...

Caro Blogger,
non trovando una mail alla quale risponderti,
e volendo proporti un servizio che
probabilmente Ti interesserà,
Ti chiedo di contattarmi a info@vascoblog.com
Ciao

 

Posta un commento

<< Home

i diritti relativi al materiale pubblicato appartengono ai rispettivi autori (tranne ove altrimenti indicato) ©