OBLIQ

- arts & words place -

06 gennaio, 2006

La guerra è finita



Vivere non è possibile, lasciò un biglietto inutile, prima di respirare il gas, prima di collegarsi al caos, e la mia amica era una stronza aveva 16 anni appena. Vagamente psichedelica, la sua t-shirt all’epoca, prima di perdersi nel punk, prima di perdersi nel crack, si mise insieme ad un nazista conosciuto in una rissa... E nonostante le bombe vicine, la fame, malgrado le mine, sul foglio lasciò parole vere di vita: "la guerra è finita, per sempre finita, almeno per me!". Emotivamente instabile, viziata ed insensibile, il professore la bollò, ed un caramba la incastrò durante un furto all’esselunga, pianse e non le piacque affatto... E nonostante le bombe alla televisione, malgrado le mine, la penna sputò parole vere di vita: "la guerra è finita, per sempre finita, almeno per me!". E nonostante sua madre impazzita e suo padre, malgrado Belgrado, l’America e Bush, con una bic profumata d’attrice bruciata "la guerra è finita!", scrisse così...

4 Comments:

At gennaio 09, 2006 11:59 AM, Anonymous Anonimo wrote...

bellissima illustrazione per un delirio di scrittura considerevole.
son tornato....
v.

 
At gennaio 09, 2006 5:08 PM, Anonymous un altro anonimo wrote...

tornato ne sei?!?
cos'è, una minaccia?
ma il delirio non è mio. esso (il delirio) è di baustelle.
i.

 
At gennaio 09, 2006 6:52 PM, Anonymous Anonimo wrote...

ehia,
preparati alla bollitura del polpo. il delirio era bello comunque, anche se non era tuo, ma solo prestato...
cia-o

v.

 
At gennaio 14, 2006 7:13 PM, Anonymous giorgi wrote...

ah e quindi ti piacciono i BAUSTELLE....

 

Posta un commento

<< Home

i diritti relativi al materiale pubblicato appartengono ai rispettivi autori (tranne ove altrimenti indicato) ©